Cucine Componibili

Sgabelli da cucina: come scegliere?

10 giugno 2020

Scegliere gli sgabelli da cucina è importante se avete una cucina moderna e con penisola. Oltre le classiche sedie da cucina, lo sgabello nel panorama delle sedute domestiche è una scoperta abbastanza recente. Di fatto ampiamente in uso nei locali, nel bar e nei pub, lo sgabello in cucina è una soluzione sempre più spesso adottata per completare zone living e cucine open space. Lo sgabello ha uno stile molto informale, dona un tocco di modernità e consente una gran libertà di movimento.

Vedi tutti gli sgabelli da cucina Stosa.

Sgabelli in cucina come al bar.

Come già sottolineato l’arredamento contemporaneo prende a prestito degli elementi dalla cornice lounge di bar e pub, inserendovi dei mobili che favoriscono l’aspetto social della vita in cucina. Avere sgabelli in cucina come al bar significa che la preferenza è stata data a una cucina con isola o penisola.

Se la vostra cucina è dotata di un angolo bar o comunque di un piano alto, lo sgabello è senz’altro la seduta che meglio vi si abbina perché è in grado di rendere lo spazio open space un ambiente molto friendly, da vivere in compagnia con gli amici magari sorseggiando un aperitivo.

Sgabelli non solo in cucina.

Gli sgabelli sono una soluzione salvaspazio che può raggiungere anche gli 80 cm di altezza, una seduta da preferire non solo in una cucina con penisola o isola ma anche una soluzione molto pratica per completare un’area di lavoro o una scrivania magari in un salotto.

Come scegliere lo sgabello?

Per scegliere lo sgabello più adatto a voi dovete sicuramente valutarne lo stile e l’estetica: forme, colori e materiali. Vi consigliamo di scegliere uno sgabello coerente con lo stile della cucina che andrà ad arredare oppure, anche se a contrasto, l’importante è assicurarsi che il risultato finale sia armonico.

Ad esempio sgabelli in ferro scuro e con linee geometriche vanno bene per arredamenti essenziali e minimal mentre sgabelli in legno e sedute imbottite si sposano meglio con cucine classiche.

L’altezza dello sgabello.

Per un corretto abbinamento di sgabelli e tavolo (o piano cucina) bisogna considerare l’altezza dello sgabello rispetto al piano stesso: tra quest’ultimo e la seduta dello sgabello occorre una distanza in altezza di circa 25 - 35 cm per fare posto alle gambe. Una misura inferiore renderebbe quasi impossibile posizionare lo sgabello sotto al tavolo, mentre una distanza maggiore renderebbe la seduta troppo bassa rispetto al piano.

Leggi anche:
Come scegliere il tavolo da cucina.
Piano snack o piano slide?

Inoltre tenendo conto delle diverse stature delle persone, vi consigliamo di scegliere degli sgabelli regolabili, in modo da poter essere utilizzati da adulti e bambini. La variazione perfetta dell’altezza di uno sgabello va da 55 a 80 cm.

Per esser sicuri che tutti possano essere comodi, scegliete degli sgabelli regolabili. Uno sgabello regolabile in altezza può essere utilizzato da adulti di tutte le taglie ed anche dai bambini. La variazione ottimale di altezza di uno sgabello regolabile è compresa tra 55 cm e 80 cm.

Inoltre i modelli regolabili hanno la seduta girevole, un ulteriore vantaggio in termini di mobilità e comodità, se ad esempio volete girarvi a parlare con persone sedute dietro di voi senza dovervi per forza alzare.

Sicurezza degli sgabelli in cucina.

Gli sgabelli in cucina devono essere solidi e robusti per poter essere utilizzati in tutta sicurezza data la loro altezza. Sicuramente gli sgabelli a quattro gambe, insieme a quelli regolabili con una sola gamba centrale hanno maggiore stabilità: in quest’ultimo caso la sicurezza è garantita dalla base solida e pesante.

Scegliere sgabelli comodi.

Lo sgabello è una soluzione intelligente in diverse situazioni in cucina. È importante sceglierlo solido e comodo, per una seduta sostenuta e confertevole. Ecco come scegliere uno sgabello comodo:

  • la comodità deriva prima di tutto dalla seduta imbottita, con rivestimenti facilmente lavabili se possibile;
  • assicuratevi che il sedile abbia una profondità di almeno 30 centimetri;
  • cercate una seduta con schinale alto, sicuramente più comodo rispetto a quelli bassi (che beneficiano dall’altra parte di un’estetica più gradevole);
  • i braccioli sono sicuramente più ingombranti ma rendono gli sgabelli confortevoli come poltroncine;
  • completate la seduta con dei poggiapiedi per far accomodare le gambe.