Cucine Componibili

Rubinetto cucina: quale scegliere

1 settembre 2020

La scelta del rubinetto da cucina non deve essere sottovalutata in quanto si tratta di uno degli elementi più utilizzati durante la giornata. Nel lavello infatti si concentrano le attività di tutti i giorni come lavare i piatti, pulire la verdura per preparare la cena o prendere dell’acqua per annaffiare le nostre piante aromatiche.

Abbiamo già parlato di come scegliere il lavello per la cucina, ma come scegliere invece il rubinetto da cucina?

Tipologie di rubinetti.

Il rubinetto o miscelatore ha un forte impatto, oltre che dal punto di vista funzionale, anche sull’aspetto estetico della cucina.

Possiamo scegliere un miscelatore più tradizionale oppure ricercare uno stile più minimal che si adatti a quello della nostra nuova cucina moderna. Se invece il problema è lo spazio possiamo optare per un rubinetto a canna bassa o da parete.

Cerchiamo di distinguere i rubinetti da cucina in base al tipo di canna, all’installazione e al tipo di apertura.

Rubinetti a canna alta e canna bassa.

I rubinetti per cucina possono differenziarsi a seconda della canna in:

  • Rubinetti a canna alta. Sono i miscelatori che permettono con più facilità di svolgere determinate attività in cucina come riempire pentole ampie, borracce o bottiglie di vetro. Questo rubinetto necessita di un certo spazio tra il lavello e il pensile superiore della cucina. È facile trovarli nelle cucine con isola, dove al lavello è dedicato maggiore spazio.
  • Rubinetti a canna bassa. Questi miscelatori sono quelli più frequentemente installati in cucine piccole in cui lo spazio è un problema.

Rubinetto da appoggio o da parete.

Il miscelatore può essere distinto anche per tipi di installazioni.

Vediamo le più utilizzate:

  • Rubinetto da appoggio. Questo rubinetto può essere installato sul lavello o sul piano cucina. È il modello più comunemente utilizzato.
  • Rubinetto da parete. Chiamato anche rubinetto a muro, questo miscelatore è la soluzione per chi non ha abbastanza spazio nel piano del lavello per installare un rubinetto da appoggio. Il rubinetto da muro o parete viene scelto spesso anche come soluzione di tendenza per dare un tono più moderno al design della cucina.

Leggi anche come pulire il lavello della tua cucina.

 

Rubinetto da cucina: tipi di apertura

Un’ulteriore distinzione che viene fatta tra le diverse tipologie di miscelatore da cucina è quella basata sull’installazione, che impatta sulla praticità di azionamento dello stesso.

  • Rubinetto monocomando. Il classico miscelatore con un’unica maniglia per regolare sia la temperatura che il flusso di acqua.
  • Rubinetto bicomando. Questo permette di azionare l’acqua calda o fredda da due manopole separate.
  • Miscelatore monoacqua. Ha un'unica manopola con la quale è possibile regolare una sola temperatura. Non è solitamente consigliato per le cucine ma piuttosto per servizi o lavanderie.

Abbiamo visto quali sono i tipi di rubinetti da cucina più utilizzati e conosciuti. A seconda del livello di funzionalità o di design che vogliamo raggiungere ci sono anche altri modelli che potremmo prendere in considerazione: il miscelatore con doccetta estraibile, il rubinetto a canna alta con molla dal design più moderno o il rubinetto con canna abbattibile, che salva molto spazio nel caso in cui il lavello si trovi proprio sotto una finestra o il miscelatore con leva clinica, molto pratico e indicato per persone con difficoltà motorie poiché permette di aprire l’acqua semplicemente con il tocco del gomito.

 Leggi anche: Top per cucine: quale scegliere? Le 5 proposte di Stosa

Materiale e Colore del rubinetto.

A seconda dello stile della nostra cucina possiamo scegliere la tipologia di materiale per il rubinetto che si addice di più.

Per una cucina dallo stile classico si può optare per un miscelatore in ottone, mentre per una cucina moderna sarà più facile indirizzarsi verso un rubinetto in acciaio inox o cromato. Lo stesso discorso può essere fatto in base al colore del miscelatore.

Il colore non è un aspetto da sottovalutare quando si sceglie la rubinetteria della propria cucina che è a tutti gli effetti un complemento di arredo. Si dà spesso per scontato che ad un miscelatore possa essere applicata la finitura cromata, ma è tutta qui la personalizzazione?

Stosa Cucine offre anche la possibilità di abbinare e coordinare il rubinetto alla colorazione del lavello, per avere una cucina dal total look unico e riconoscibile che si adatti perfettamente all’ambiente circostante: rubinetto nero, rubinetto bianco, passando per il rubinetto ottone o oro.

 

Come mantenere pulito il rubinetto.

Per evitare l’usura o il formarsi di calcare è bene prevedere una pulizia periodica del miscelatore.

Ecco alcuni passaggi essenziali da tenere sempre a mente:

  1. Pulire il rubinetto con acqua e sapone. Non utilizzare prodotti aggressivi o diversi dall’acqua.
  2. Asciuga il rubinetto con un panno asciutto.
  3. Per evitare il formarsi di calcare utilizzare un addolcitore.
  4. Nel caso si formi del calcare questo può essere trattato con aceto o prodotti specifici.

Scopri anche i nostri consigli su come conservare la cucina nel tempo.