Cucine Componibili

Arredare un living per lo smart working: l’ufficio in casa come soluzione d’arredo

26 ottobre 2020

L’evoluzione tecnologica e soprattutto il periodo di pandemia che stiamo vivendo hanno fatto emergere l’esigenza alla flessibilità lavorativa da parte di molte aziende, che fino a questo momento avevano sempre visto il lavoro da casa come una decisione straordinaria e quasi mai necessaria. Pur di continuare a lavorare in totale sicurezza infatti sono state molte le compagnie che, in seguito alle vicissitudini collegate al Covid-19, hanno preferito adeguarsi allo smart working.

Ma che cosa si intende con smart working? Lo smart working viene identificato erroneamente come “lavoro da casa”, in realtà la sua storia ha delle radici ben diverse: nasce infatti come riadattamento del lavoro in base ad un orario più flessibile, appunto smart, per incontrare le esigenze di vita dei lavoratori. Oggi affronteremo il significato che ha assunto più recentemente questo termine: non sempre la qualità del lavoro da casa rispecchia quella dell’ufficio, poiché dobbiamo districarci tra una preparazione in cucina, i bambini che corrono per il salotto e il corriere che suona alla porta di casa.

Sicuramente adattare uno spazio della nostra casa con un arredamento dedicato per la zona smart working e che ci conceda poche distrazioni a portata di mano, potrà aiutarci a mantenere la concentrazione e a portare a termine la giornata lavorativa al massimo della nostra produttività.

In questo articolo scopriremo quindi insieme come arredare un living per lo smart working.

Arredare un ufficio in casa: da dove partire

Prima di iniziare a valutare soluzioni d’arredo per il nostro living da destinare al nuovo ufficio in casa, cerchiamo di capire di cosa abbiamo bisogno e cosa ci aspettiamo dall’arredamento del nostro ufficio a casa:

“Devo arredare una postazione fissa o temporanea?”

“Lo spazio da destinare all’area di smart working è limitato?”

“Preferisco una zona indipendente o una postazione collegata?”

“Quali sono gli elementi di arredo ai quale non posso rinunciare?”

Ogni risposta ha diverse soluzioni valide che analizzeremo insieme in questo articolo e che vi aiuteranno a scegliere la soluzione più adatta alla vostra idea di ufficio in casa.

Postazione fissa o temporanea

Prima ancora di scegliere i mobili per arredare lo studio in casa è bene chiedersi se si tratta di una soluzione temporanea o definitiva. In questo modo possiamo decidere di optare per una postazione fissa o temporanea.

Le postazioni fisse sono quelle tradizionali, caratterizzate da componenti d’arredo che rendono confortevole il lavoro e il tempo che vi ci trascorrete: un’ampia scrivania, una sedia ergonomica, mensole per libri e documenti o una libreria capiente.

Stosa vi propone una boiserie con la libreria Palo Alto integrata, che fa da cornice al tavolo e personalizza l’ambiente con un tocco elegante e raffinato.

 

Boiserie con Libreria Palo Alto in Rovere Miele - modello Natural

 

Scopri tutte le soluzioni d’arredo per tavoli e sedie

Le postazioni temporanee invece, sono caratterizzate da elementi d’arredo che possono essere integrati in modo rapido al nostro salotto, e che ci permettono di lavorare districandoci velocemente tra una telefonata e la preparazione del pranzo: un tavolo alto ad angolo ad esempio, o una piccola penisola della cucina dove riuscire a lavorare in piedi. Il sit-stand – una soluzione per stare comodi sia seduti che in piedi - rappresenta un’alternativa sempre più diffusa negli uffici.

Spazio limitato nell’area living

Se non avete molto spazio a disposizione da dedicare al vostro studio in casa nel salotto, non abbiate timore, esistono diverse soluzioni d’arredo salvaspazio.

Una vera rivoluzione in questo caso è il tavolo estraibile, una soluzione geniale per problemi di spazio. In questo modo riuscirete ad ottenere il massimo dalla vostra stanza senza rinunciare alla vivibilità dell’ambiente.

 

Tavolo estraibile

 

 

Leggi anche Cucine piccole: 5 modi per renderle più grandi

 

Zona indipendente o postazione collegata

Se la vostra idea è creare uno studio open space che rimanga nella zona cucina, un’idea potrebbe essere quella di utilizzare un bancone cucina dalla media altezza dove riuscire a lavorare sedendosi su uno sgabello.  È una soluzione multitasking che vi permette di fare più cose contemporaneamente risparmiando tempo, come cuocere la pasta mentre leggete una e-mail o semplicemente controllare i vostri figli mentre girano per casa. Sarà più semplice per voi tenere tutto sotto controllo.

Un elemento d’arredo che vi consigliamo è sicuramente il Piano Snack Cinescopio, che renderà il vostro ufficio in casa comodo e dallo stile semplice e naturale, rendendolo parte integrante della vostra cucina componibile.

 

Piano snack cinescopio Stosa

 

Se preferite rimanere nella zona living durante la vostra giornata lavorativa a casa, allora la scelta della postazione indipendente è quella giusta. In questo caso, la comodità viene rappresentata dall’utilizzo di composizioni a parete che permettono di avere tutto a portata di mano.

Postazione non adatta per chi, quando è vicino al divano, è tentato dal concedersi troppo relax ma ideale al contrario per chi ama ritrovarsi in un luogo che associa a momenti di piacere.

A questo proposito vi consigliamo di comporre la vostra postazione con i moduli a giorno e gli schienali di Stosa. La personalizzazione è massima, così come la libertà di configurazione dei singoli elementi. Ne è un esempio la postazione office allestita sul modello Infinity, con i moduli a giorno L10 in Ocra e il pannello in laccato opaco Pesca per una postazione semplice ma completa di tutto per il tuo ufficio in casa.

 

Postazione office di Infinity

 

Elementi d’arredo principali per l’ufficio in casa

Una postazione operativa, anche se tra le mura di casa, necessita di soluzioni funzionali, pratiche e versatili che permettano di lavorare al meglio delle possibilità. Questo è possibile grazie a diverse soluzioni d’arredo che uniscono la funzionalità al design e che consentono di integrare nella zona living uno spazio attrezzato.

 

Scrivania: superficie organizzata e pratica.

Avere una superficie comoda e organizzata è il primo passo per creare un ufficio efficiente.

Come scegliere quella giusta?

Se si dispone di poco spazio, optare per una scrivania con cassetti e ripiani aggiuntivi che permetta di sistemare fascicoli e documenti al loro interno risparmiando spazio prezioso è una scelta ottimale.

Altra alternativa è una scrivania con ripiani, grazie alla quale si potrà lavorare in maniera organizzata con ogni cosa al proprio posto.

La scrivania deve sempre essere arredata e sistemata in modo da non perdere la concentrazione: guardare solo l’estetica è sbagliato, la praticità in questo caso deve andare al primo posto.

Sedia: il focus dell’ufficio in casa  

Quando si è alla ricerca della sedia ideale per la propria zona smart working va sempre ricordato che si tratta della zona più importante del nostro ufficio a casa: una sedia scomoda porterà sicuramente facile distrazione.

Per scegliere la sedia giusta sono 2 i fattori da tenere in considerazione: l’imbottitura e lo schienale.

Controllare che la sedia abbia un’imbottitura sufficiente a garantire comodità anche dopo svariate ore di lavoro è fondamentale, così come scegliere uno schienale che sia in grado di sostenere il vostro peso in modo da potervi distendere in una posizione più rilassata: perfette le sedie ergonomiche purché l’altezza sia regolabile e dispongano di braccioli e ruote.

Libreria: ogni cosa al suo posto.

Niente riesce a trasmettere l’atmosfera giusta in un ufficio come la presenza di una libreria.

Come scegliere quella perfetta per voi? Innanzitutto valutare gli spazi: se la stanza è di grandi dimensioni sarà più semplice optare per un modello dalla struttura regolare, accostandogli scaffali fino a riempire l’intera parete. Se invece lo spazio è ridotto, una libreria alta e stretta è la soluzione migliore.

Stosa cucine permette di comporre la propria libreria grazie agli elementi da giorno L10 per colonne, inseribili a partire da una larghezza di 30 cm. Ne vediamo un esempio in Rovere Nodato sul modello Maya. 

 

Scaffali a parete - Stosa

 

In alternativa, è possibile creare una libreria appendendo degli scaffali alla parete, ottima soluzione per avere a disposizione superfici in più.

Noi di Stosa consigliamo l’utilizzo di Vani a giorno Size, qui abbinati ad un living del modello Color Trend, ossia strutture in metallo combinate a pannelli personalizzati. Comodissimi per appoggiare libri e oggetti utili al vostro lavoro senza occupare spazio.

 

Vani a giorno Size – modello Color Trend 

 

Piuttosto che il metallo si può scegliere anche la lamiera con l’arredo Jolly Evo, qui abbinato ad un living Alevè in Pietra Piasentina, che dona un tocco di colore e design alla stanza, utile anche solo per decorarla.

 

Elemento d’arredo in lamiera Jolly Evo - Alève