Manutenzione e cura della tua cucina

Come pulire il forno: consigli pratici e veloci

10 febbraio 2020

 abbastanza frequente rimandare la pulizia di alcuni elettrodomestici come il forno, un po’ per pigrizia un po’ per timore di danneggiare degli elementi.

Inoltre, nella pulizia del forno entra in gioco anche la possibilità di utilizzare prodotti sbagliati per detergere le sue superfici, che in seguito entreranno in contatto con il nostro cibo.

Proprio per assicurare la massima igiene e la salubrità delle pietanze è bene sapere come pulire il forno correttamente e con criterio.



Pulire il forno con il bicarbonato

Per essere certi di pulire il forno con prodotti che non rischiano di contaminare il nostro cibo si può riccorere a rimedi casalinghi. Pulire il forno con il bicarbonato è uno di questi: il bicarbonato ha proprietà igienizzanti, antibatteriche ed elimina i cattivi odori.

Ricordatevi di pulire il forno almeno una volta o due al mese per non arrivare a condizioni limite. Per eliminare macchie di olio o residui di bruciato è sufficiente che passiate una spugna morbida imbevuta di acqua tiepida e bicarbonato su tutta la superficie del forno ovviamente spento.



Sale grosso per pulire il forno

Anche il sale grosso è un valido alleato per la pulizia del forno nel caso di incrostazioni e residui di bruciato. Mischiate sale e acqua calda fino al suo completo scioglimento, poi applicatelo sulle macchie e lasciatelo agire almeno per 15 minuti.



Acqua e limone per sgrassare il forno

Per pulire il forno, sgrassarlo, rimuovere le incrostazioni e il cattivo odore ricorrete ad un mix di acqua e succo di limone. Il procedimento è: spremere almeno due limoni in una teglia con bordi alti, aggiungere acqua e infornare il tutto per circa 30 minuti a temperatura media. L’evaporazione dell’acqua favorirà l’azione del limone sulle pareti del forno, facendo sciogliere lo sporco incrostato.



Pulizia del forno con l’aceto

La pulizia del forno con prodotti naturali comprende anche l’aceto, che ha notevoli proprietà disinfettanti e sgrassanti. Anche in questo caso, si consiglia di riporre nel forno una terrina con acqua e aceto a 100° in modo che il tutto evapori e agisca nelle pareti.

Quindi, in generale, è possibile scegliere rimedi naturali per la pulizia del forno, ricordandosi di servirsi sempre guanti di gomma, spugnette non abrasive per trattare la sporcizia più resistente, un panno umido per rimuovere il trattamento applicato e sciacquare.



Come pulire il forno a microonde

Il forno a microonde andrebbe pulito con ancora maggiore frequenza del forno elettrico, in quando viene utilizzato ogni giorno e spesso più volte al giorno. La possibilità di scaldare, scongelare, cuocere addirittura cibi e bevande lo rende un elettrodomestico irrinunciabile quanto bisognoso di adeguata e frequente pulizia.

Come nel caso del forno elettrico, per il pulire il forno a microonde utilizzate un detersivo neutro o poco aggressivo da sciogliere in una ciotola che lascerete scaldare nel microonde per 5 minuti a massima temperatura. Al termine ovviamente pulite le pareti con una spugna e lavate il piatto girevole a mano o in lavastoviglie.

In alternativa, utilizzate anche in questo caso prodotti domestici: prendete una ciotola con dell’acqua, aggiungete un bicchiere d’aceto, un limone tagliato a metà o due cucchiai di bicarbonato, fatela scaldare alla massima temperatura per 5 minuti e il vapore che ne scaturirà sarà in grado di sgrassare e igienizzare. A questo punto attendete qualche minuto prima di aprire, quindi sciacquare e asciugare.