Quando accompagno i miei clienti a scegliere la cucina, sono molte le decisioni che ci troviamo a prendere insieme.

Una delle più complesse, anche se spesso trascurata, è la scelta delle maniglie, o meglio, del sistema di apertura delle ante della cucina.

Sì perché, oggi non si può più parlare di maniglie senza considerare anche il sistema di apertura a gola.

Ed è proprio da questo sistema che vorrei iniziare a raccontare le mie considerazioni.

La gola

Il sistema di apertura a gola è quel sistema che prevede lapertura dei moduli della cucina direttamente da un incavo ricavato in alto o a lato dellanta, e nel quale si viene a creare uno spazio lineare tra ante e piano di lavoro o tra ante e bordo della scocca.

Questo dettaglio aumenta la leggerezza dei volumi del blocco cucina e ha la funzione di permettere alla mano di impugnare l’anta, evitando la presenza di una vera e propria maniglia.

Il sistema di apertura a gola è quindi in grado di donare alla cucina pulizia e compattezza estetica, aumentando la percezione di design e permettendo alla finitura della cucina di risaltare al meglio.

L’esempio più lampante di questa compattezza estetica è sicuramente Metropolis, cucina di cui ho già parlato nel mio primo post, proprio perché capace di coniugare design distintivo, materiali esclusivi e tecnologia di ultima generazione.

In Metropolis il sistema di apertura a gola aumenta la percezione di linearità e crea un gioco architettonico di luci e ombre capace di evocare una purezza estetica di altissimo livello.

Purezza estetica che si riflette anche nella funzionalità della cucina: l’anta senza maniglia è più semplice da pulire perché la superficie è unica e piana, senza alcuna interruzione.

La consiglio sempre ai clienti che cercano soluzioni di design minimali e anche a chi ha un ambiente cucina molto piccolo o è di natura poco ordinato: la presenza di maniglie, infatti, aumenta il numero di elementi che compongono l’estetica della cucina rischiando di sovraccaricarne l’immagine complessiva.

Una volta optato per il sistema di apertura a gola, diverse sono le prese tra le quali si può scegliere.

Stosa Cucine, in particolare, ne propone 6:

Gola piatta

Gola piatta con tasca

Presa maniglia “Diagonal” per gola piatta

Presa maniglia “L” per gola piatta

Gola scavata

Gola scavata

Presa maniglia “Diagonal” per gola scavata

Presa maniglia “L” per gola scavata

Dal punto di vista della praticità, le gole scavate permettono unapertura più agevole, essendoci uno spazio maggiore per impugnare l’anta: in questa fase consiglio sempre ai miei clienti di provare le ante in showroom e osservare qual è per loro l’apertura più confortevole.

Dal punto di vista estetico, nei termini della composizione della cucina, le sei tipologie di gola sono pari l’una all’altra: molto interessante però è la possibilità di colorazione della gola scavata.

Io, ad esempio, ho appena progettato una cucina total white con gola rosso vivo, accompagnata da un frigo freestanding dello stesso colore, per un cliente che desiderava una casa ispirata agli anni ’80 e alla musica dei Rolling Stones.

!!! Da non dimenticare: la gola nelle colonne ha una larghezza di 3 cm ed è posizionata in verticale di fianco allanta.

La maniglia

Se l’anta a gola è perfetta per chi ama le cucine minimali e il design rigoroso, la scelta della maniglia verrà fatta da coloro a cui piace aggiungere dettagli alla cucina.

La maniglia è a tutti gli effetti un accessorio e, come per ogni outfit davvero impeccabile, va scelta con cura.

Anche quando si parla delle maniglie, le tipologie sono diverse e Stosa Cucine propone più di 200 modelli diversi di maniglie tra cui scegliere.

Anche in questo caso il consiglio è il medesimo: provare a impugnare la maniglia, cercare di immaginare un bimbo o un altro componente della famiglia che fa lo stesso, capire se quellimpugnatura è adatta alla gestualità delle persone che useranno la cucina.

Accanto a questo processo decisionale che prende in considerazione la funzionalità, non bisogna dimenticare lestetica.

Se la casa ha uno stile preciso, è opportuno seguirlo anche nella scelta della maniglia. Se la casa non ha uno stile ben definito, è preferibile cercare di capire qual è la maniglia che riprende più elementi gìà presenti nel progetto dell’abitazione.

Quello che dico spesso ai miei clienti è che la maniglia è un elemento di design molto connotato e, per questo motivo, segna in qualche modo gli anni della cucina.

Per questa ragione, il mio consiglio è quello di prediligere ante a gola o maniglie dal design semplice, che diventino parte integrante dell’ambiente senza dare troppo nell’occhio.

E l’assortimento di maniglie proposto da Stosa è davvero ampissimo.

Ecco alcuni esempi:

Maniglie

Maniglie in testa

Onda

Diamond

Maniglie integrate

Bring

Mood

Rewind

Molto interessanti da questo punto di vista sono le maniglie integrate della cucina Rewind, un modello perfetto per chi ama i dettagli delicati e il design di ricerca: la maniglia c’è e si vede, ma decora in modo distinto e raffinato. Trovo che sia una cucina davvero accattivante, capace di rendere l’anta un elemento unico, quasi sartoriale. La immagino in una casa in cui sono forti i contrasti tra antico e moderno, per una famiglia che ama sperimentare, osservare, creare.

Insomma, tra gola e maniglie, le possibilità di scelta sono infinite.

Come al solito devo dire che la componente progettuale è importante: non si sceglie la maniglia alla fine dello studio della cucina, ma anzi, questa selezione è parte integrante del processo di progettazione.

Bisogna prestare attenzione alle proprie abitudini, ai propri gusti e alle caratteristiche dellambiente cucina e non sottovalutare nessuno di questi elementi.

Come spesso succede nella progettazione d’interni, non esiste una scelta giusta a priori, ma soltanto la scelta giusta per la persona che abiterà quella casa, e soprattutto quella cucina.

Da questo punto di vista, Stosa  permette infinite opzioni lasciando i suoi clienti liberi di creare cucine personalizzate grazie alla possibilità di mixare modelli e collezioni, selezionando l’apertura più adatta.

Buona scelta!