LUGLIO

 

Lo street food turco

 

Per proporci la ricetta di luglio, lo chef di Stosa ha esplorato l’arte culinaria turca, le cui origini risalgono a quella ottomana, fusione ed elaborazione di tradizioni gastronomiche provenienti dall’Asia Centrale, dal Medio Oriente, dal Mediterraneo, dal Caucaso e dai Balcani.

La proposta gastronomica turca risulta pertanto caratterizzata da una grande varietà di specialità, i cui ingredienti principali sono le spezie e la frutta secca (noci, pistacchi, castagne, mandorle, nocciole), così come pesce, carne lenticchie pomodori, cipolla aglio e peperoni.

La Turchia, nazione a cavallo tra Europa e Asia, è da sempre un ponte tra Occidente e Oriente e ciò si riflette in ogni aspetto culturale del paese: l’arte culinaria non può certo fare eccezione. E come spesso accade, uno dei migliori modi per scoprire i sapori delle ricette locali è proprio approfittare dello street food e delle infinite combinazioni di gusti, profumi e colori che offre.

Uno delle tipiche proposte di street food turco è sicuramente rappresentato dalle Midye Dolma, ovvero cozze ripiene, che si possono facilmente trovare camminando in qualunque città della Turchia, esposte ordinatamente in banchetti circolari e offerte alla vista del pubblico.

 

L’oro nero di Taranto: le cozze

 

Lo chef di Stosa ha scelto per la realizzazione delle Midye Dolma, le cozze tarantine, dette l’oro nero di Taranto, frutto del lavoro di antichi pescatori che ne iniziarono la coltivazione più di 1000 anni fa nella Laguna del Mar Piccolo, che bagna i lidi della città.

Si tratta di una cozza particolarmente gustosa, profumata e piena che si caratterizza per il profumo di iodio e per le particolarissime doti di sapidità conferite dalle oltre trentaquattro sorgenti di acqua dolce presenti nell’area in cui vivono.

Lo chef di Stosa ha quindi arricchito con una delle eccellenze italiane uno dei piatti di street food più diffusi in Turchia. Vediamone ingredienti e preparazione.

 

INGREDIENTI PER 2 PERSONE:

 

  • 1 kg di cozze di Taranto
  • 150 gr di riso basmati
  • 1 busta di zafferano
  • 1 manciata di uvetta sultanina
  • olio extravergine d’oliva qb
  • sale qb
  • prezzemolo tritato qb

 

PREPARAZIONE

 

Scaldare 400 cc di acqua con sale, zafferano e un cucchiaio d’olio; una volta raggiunta l’ebollizione versare il riso basmati.

Procedere alla cottura del cereale mescolando spesso, finché tutta l’acqua venga assorbita.

In una padella versare un filo d’olio e rosolare l’uvetta; aggiungere quindi il riso e il prezzemolo, lasciare insaporire per qualche minuto, quindi spegnere il fuoco e lasciare raffreddare.

Lavare con accuratezza le cozze e riporle in una pentola su un fuoco moderato affinché si aprano. Filtrare il liquido rilasciato dai molluschi e versarlo in una teglia da forno.

Procedere inserendo il riso, precedentemente preparato, in ogni cozza, in modo da ricoprire bene il frutto.

Disporre quindi le cozze ordinatamente nella teglia e cuocere in forno preriscaldato per circa 20 minuti.