NOVEMBRE

 

Il cibo messicano di strada, chiamato antojitos (letteralmente “piccole voglie”), è preparato da venditori ambulanti in piccoli mercati tradizionali. In questi luoghi ci si reca non solo per fare acquisti ma per trascorrere un momento della giornata con gli altri, magari davanti a un chiosco piuttosto che a un furgone aperto.

Quello che noi ormai abitualmente chiamiamo Street Food è il pezzo forte della cultura gastronomica del Messico: la varietà di pietanze che si possono gustare a ogni angolo della strada è vastissima, e unisce persone di qualsiasi livello sociale, in una consuetudine antica fortemente radicata.

Anzi tutto è bene specificare che la cucina messicana è maggiormente conosciuta per le sue caratteristiche di piccantezza, ma in realtà la cultura gastronomica del centro America presenta numerosi elementi ispanici che si fondono con gli antichi sapori aztechi e maya e con accenni caraibici e arabi.

Altra precisazione da fare è che all’interno delle proposte culinarie messicane è bene distinguere tra quelle tradizionali e quelle Tex-mex.Le seconde, in particolare, sono frutto di commistioni con ingredienti e accostamenti tipici degli Stati Uniti.

Quando si parla di burritos e nachos si fa proprio riferimento a questa cucina in cui la tradizione è in parte contaminata da influenze statunitensi.

Lo chef di Stosa ha deciso, per il mese di dicembre, di arricchire i tipici burritos con i rinomati fagioli di Valle Posina cucinati “alla messicana”. Caratterizzati da una buccia leggera e un’ottima resistenza alla cottura sono perfetti come contorno.

Accanto lo chef abbina la salsa guacamole, irrinunciabile accompagnamento e ideale per creare un contrasto di sapori che solletica il palato.

Ancora una volta scopriamo come il Made in Italy riesce ad esaltare con la qualità dei suoi tesori agroalimentari i sapori dei piatti di tutto il mondo.

 

INGREDIENTI PER 4 PERSONE:

 

Per i burritos:

  • 4 tortillas
  • 500 gr di lombo di manzo macinato
  • 1 pomodoro rosso
  • 1 cespo di lattuga romana
  • 1 cipolla
  • 2 cucchiai di cumino
  • 3 spicchi di aglio
  • ¼ di tazza di olio d’oliva
  • 1 cucchiaio di polvere di coriandolo
  • sale e pepe qb

Per i fagioli:

  • 400 gr di fagioli di Valle Posina
  • 1 peperoncino
  • 1 spicchio di aglio
  • ½ bicchiere di vino bianco
  • 200 ml di passato di pomodoro
  • olio extravergine di oliva
  • sale qb

Per la salsa guacamole

  • 1 avocado maturo
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 1 peperoncino verde
  • 1 cucchiaio di succo di lime
  • 1 pomodoro ramato
  • mezzo scalogno
  • sale e pepe qb
  • olio evo qb

 

PREPARAZIONE

 

Per i burritos:

Cuocere la carne con un po’ di olio, sale e pepe.

Una volta cotta, spostarla su un altro piatto e tenerla da parte.

Nella stessa padella con l’olio già caldo versare il pomodoro, la cipolla e l’aglio, tagliati tutti a dadini.

Lasciare sul fuoco per qualche minuto e aggiungere la carne. Mescolare il tutto speziando con cumino e coriandolo e farcire le tortillas con il composto ottenuto.

 

Per i fagioli:

Lessare i fagioli di Valle di Posina, dopo averli lasciati a bagno per un’intera notte.

In una casseruola soffriggere un peperoncino tagliato a rondelle, aglio e passata di pomodoro e lasciare in cottura per 5 minuti.

Infine unire i fagioli, mescolare e cuocere per circa 10 minuti.

 

Per la salsa guacamole:

Lavare l’avocado, liberarlo dal nocciolo, intagliare la polpa col coltello ed estrarla col cucchiaio.

Unire il succo di lime, aggiungere un pizzico di sale e un pizzico di pepe e schiacciare la polpa con una forchetta.

Tritare finemente lo scalogno, tagliare il pomodoro a dadini e sminuzzare il peperoncino. Unire il tutto alla polpa di avocado, aggiungendo l’olio.

Mescolare il tutto e aggiustare di sale se serve.