Arredare una cucina è una vera e propria arte. L’attenzione da riservare a quest’ambiente è superiore a quello dedicato a ogni altra stanza della tua casa, con la necessità di padroneggiare diverse competenze. Cucine moderne, cucine classiche, cucine contemporanee. Qualunque sia lo stile della cucina che hai deciso di adottare non basta avere consultato siti d’arredo o aver chiesto l’aiuto di amici esperti di design per ottenere un risultato apprezzabile. Molto prima della scelta dei mobili cucina più consoni a estetica e gusto personale, in base all’idea di cucina di cui nel frattempo ci siamo innamorati, esistono tanti altri fattori che non ci devono cogliere impreparati, impossibili da ignorare. Per questo motivo arredare una cucina modulare è molto più complesso che arredare un salotto o una camera da letto. Una cucina perfetta oltre che essere il cuore della casa non deve essere semplicemente un luogo da contemplare. La cucina è un vero e proprio campo di battaglia: è tra fornelli e lavastoviglie che si svolge l’azione. Tante piccole scelte possono concorrere ad agevolare le più semplici azioni quotidiane. Ad esempio cucinare, preparare pietanze, apparecchiare la tavola da cucina, lavare i piatti, rifornire le provviste e, soprattutto, fare tornare come nuova la stanza una volta preparata l’ultima fatica culinaria o che gli ospiti se ne sono andati dopo la cena. Ti stai preparando progettare una nuova cucina modulare? Tieni conto di questa importante rivelazione: i mobili cucina non vanno assolutamente disposti in un ordine casuale.

Il primo fattore da prendere in considerazione è che in cucina esistono tre tipi di macro azioni principali con cui sarai alle prese tutti i giorni: conservazione, cottura, lavaggio.

A ciascuna di queste tre sezioni è legata una serie di mobili cucina ben definiti. Questi moduli devono essere in grado di essere collocati uno in prossimità dell’altro, per agevolare la catena di azioni cui è subordinata la loro posizione. I mobili cucina legati alla conservazione sono il frigorifero, il congelatore, gli armadi e le dispense. I mobili per la cottura sono il piano cottura, il forno e il forno a microonde. I mobili del lavaggio sono invece lavello e lavastoviglie. Tra questi deve essere sempre presente un piano di lavoro, o di appoggio. In base alle dimensioni e alle proporzioni della cucina esistono quindi dei moduli per la collocazione dei mobili dai quali è impossibile prescindere. Secondo la disposizione adottata parleremo quindi di cucine lineari, cucine lineari doppie, cucine angolari e cucine a ferro di cavallo. Le cucine ad angolo e le cucine a ferro di cavallo sono anche conosciute come “cucine a L” e “cucine a U”.

Cucine modulari: le dimensioni contano

L’ingombro dei mobili è fondamentale per capire se gli elementi della nostra futura cucina avranno i requisiti necessari per conformarsi a una delle modalità d’arredo indicate.  Se la larghezza è un elemento tutto sommato variabile e a suo modo gestibile pensando in termini di multipli di 15 cm, la profondità dei blocchi è solitamente intorno ai 60 cm. Le larghezze dei mobili saranno quindi di 45, 60 e 90 cm. È vero che esistono anche mobili di larghezza inferiore, ma corrono il rischio di essere un costo superfluo comparato alla loro utilità, quindi da non prendere in considerazione qualora si stia pensando di progettare una cucina economica.  Mobili così corti possono essere eventualmente utili per collocare dei cassetti. Vi sono poi altri mobili cucina che hanno misure ormai standardizzate, come frigoriferi, i forni, i piani cottura e le lavastoviglie.

Disposizione dei mobili cucina: quattro possibilità

Stosa cucine Aléve - Cucina lineare
Stosa cucine Aléve - Cucina lineare

1. Cucine lineari

Le cucine lineari sono perfette per spazi lunghi e stretti. Tutti i mobili cucina di questa tipologia d’arredo sono allineati in un’unica parete. Per le cucine lineari sono particolarmente indicati elementi a giorno, elementi curvi e basi sospese. Se teniamo in considerazione una cucina componibile con frigorifero, lavello a due vasche, lavastoviglie, piano cottura e forno, lo spazio minimo richiesto in lunghezza per la loro collocazione è almeno di 360 cm. È possibile ricorre a soluzioni più compatte con piani di lavoro ristretti, ma andrebbe a compromettere considerevolmente esperienza e usabilità della cucina. Lo spazio lungo la parete d’appoggio di una cucina modulare lineare deve essere occupato nella sua intera estensione, prevedendo una distanza che renda possibile l’apertura di eventuali porte e ante, nel caso una delle due estremità coincida con un’apertura. L’assenza di maniglie e una cappa nascosta sono la scelta perfetta per non spezzare la linearità della cucina. Essendo la cucina lineare molto lunga, è necessario provvedere alla scelta di un lampadario da cucina sufficientemente potente, in grado di illuminare tutto l’ambiente. Potrebbe anche capitare che la lunghezza della parete lasci dei margini di spazio una volta collocati tutti i mobili previsti per l’arredo. Per questo motivo sono stati realizzati appositi moduli a base di 40 cm per gestire e coprire eventuali spazi scoperti. Alcuni modelli di cucine lineari Stosa sono la cucina moderna componibile City in rovere jeans, vetro madreperla opaco e laccato arancio, la cucina Maya in noce platino e desert, l’Alevé in laccato lucido UV ardesia (bordo bicolor) e neve (bordo bicolor) e laminato olmo mercurio.


Vantaggio delle cucine lineari: soluzione economica, perfetta per cucine strette e lunghe o se collocate nello stesso ambiente della zona pranzo o soggiorno.

Stosa Cucine Aviant -Cucina lineare doppia
Stosa Cucine Aviant -Cucina lineare doppia

2. Cucine lineari doppie

Le cucine lineari doppie sono solitamente pensate per la preparazione dei piatti. La collocazione dei mobili cucina su due pareti rende infatti difficilmente gestibile la presenza di un mobile centrale per servire i piatti, o l’implementazione di una cucina con isola. Più di ogni altra disposizione d’arredo, le cucine lineari doppie richiedono maggiore attenzione alla dimensione e caratteristiche tecniche dei singoli elementi modulari ancor prima della scelta dello stile. Le due linee di mobili e componenti schierate frontalmente richiederanno almeno 120 cm di spazio tra un mobile e l’altro. Questo spazio è necessario per riuscire a consentire l’apertura di ante e cassetti. La dimensione di una stanza consigliata per questo tipo di cucina modulare è quindi minimo di 270 cm.


Vantaggio delle cucine lineari doppie: riducono al minimo tempi e spazi d’azione quando si tratta di cucinare o compiere azioni quotidiane.

Stosa cucine Aléve - Cucina angolare
Stosa cucine Aléve - Cucina angolare

3. Cucine angolari

In questa disposizione i mobili cucina vengono sistemati in modo da occupare due delle pareti adiacenti. Le cucine angolari sono la scelta migliore qualora la distribuzione planimetrica dell’appartamento o la disposizione degli impianti faciliti questo tipo di soluzione, votata soprattutto a usufruire di maggiore spazio.  Come per le cucine con isola viene facilitata la collocazione di un tavolo al centro, al contrario delle cucine lineari doppie che sono concepite principalmente per la preparazione dei piatti. Nel mondo delle cucine componibili le cucine ad angolo sono una soluzione perfetta quando abbinata a un angolo cucina affacciato alla zona living. Anche in una cucina angolare occorre sapere come ottimizzare gli spazi, soprattutto quando l’ambiente è piccolo. Mobili cucina come pensili e scaffali aperti ti possono aiutare a non rendere uno spazio troppo claustrofobico, utilizzando la tua cucina componibile al meglio delle sue potenzialità. Grazie alle basi angolari si possono inserire all’incrocio delle pareti elementi d’arredo come colonne, lavelli o piani cottura. Se s’intende guadagnare spazio e muoversi agilmente ci si deve assicurare che i mobili delle cucine siano dotati di ripiani estraibili, anche rotanti, cassettoni, cestelli e piani di cottura angolari. Come nel caso delle cucine componibili Stosa, dove molti dei mobili sono dotati di tre cerniere in grado di rendere più stabile l’apertura delle ante, con componenti di ferramenta di qualità come Grass, Häfele e Vauth-Sagel. Non hai a disposizione un’intera parete? Allora non avere dubbi: la cucina angolare è la soluzione che fa per te. Tra le proposte di cucina modulare più popolari di Stosa ci sono City in rovere brizzo e rovere bianco, con cappa e fornelli ad angolo, la  cucina moderna ad angolo Maya in rovere jeans, rovere sabbia e giallo laccato opaco e Alevè in laccato lucido UV color neve con bordo bicolor.


Vantaggio delle cucine angolari: è una soluzione perfetta per dare più spazio alla zona pranzo.

Stosa cucine City - Cucina a ferro di cavallo
Stosa cucine City - Cucina a ferro di cavallo

4. Cucine a ferro di cavallo

La conformazione delle cucine a ferro di cavallo, o “cucine ad u”, è abbastanza inconsueta. Questa cucina modulare comporta l’impegno di due angoli della stanza e la possibilità di arredare un ambiente sufficientemente spazioso o adiacente a una zona soggiorno. Se della cucina ami soprattutto la possibilità di dividerti tra ricette e fornelli e non perdi una puntata di MasterChef, una cucina con mobili a ferro di cavallo sarà quella in grado di offrirti maggiori soddisfazioni. Questa particolare collocazione dei moduli ti consente inoltre di avere più piani a disposizione per la lavorazione o la sistemazione di oggetti, piatti e accessori. Oltre alla necessità di poter usufruire di uno spazio adeguato a un simile ingombro, un accorgimento extra va riservato all’individuazione di possibili interferenze tra le attrezzature presenti nella stanza, come frigorifero e forno.


Vantaggio delle cucine a ferro di cavallo: grazie a questa configurazione di mobili si può ottenere il massimo da fruibilità e agio utilizzando al meglio di tutti gli strumenti della cucina.

Conclusioni

Trovare una disposizione dei mobili consona alla tua cucina dovrebbe essere una priorità non appena individuato lo stile adottare per il suo arredo. Cucine moderne, cucine contemporanee e cucine classiche, sono tutte comunque soggette alla planimetria della stanza che andrai ad arredare, e con cui ti dovrai confrontare.  Le stanze lunghe e strette trovano un’affinità naturale con le cucine lineari; le cucine lineari doppie sono perfette per puntare al massimo nella preparazione dei piatti; le cucine a ferro di cavallo richiedono un investimento più impegnativo; le cucine angolari sono perfette per l’allestimento di soluzioni economiche e cucine con isola. Bastano solo piccoli accorgimenti sensati per ottenere il risultato migliore da ciascuna di queste configurazioni d’arredo. Ricordati che i mobili cucina non devono essere d’intralcio all’apertura di porte e finestre o troppo vicini a termosifoni. Posiziona la lavastoviglie sempre vicino al lavello per facilitare la gestione degli scarichi e tieni il piano cottura sufficientemente distante dal frigorifero, per evitare problemi di surriscaldamento.

Per ogni altro tipo di consulenza sulla migliore cucina componibile per le tue esigenze e la valutazione di eventuali cucine in offerta, l’invito è quello di recarti direttamente dal rivenditore di Cucine Stosa più vicino. Ti sarà possibile valutare direttamente dimensioni, qualità e usabilità dei mobili e soprattutto richiedere l’opinione di un esperto.


Simonetta Lucciano
author