Bonus_Mobili_green

La Legge di Stabilità 2014 (Legge 27/12/2013 n. 147 – G.U. 27/12/2013) ha prorogato fino al 31 dicembre 2014 l’agevolazione fiscale prevista per l’acquisto di arredi, il così detto “Bonus Mobili”, con le medesime modalità in vigore per l’anno 2013. È confermato anche per il 2014 il vincolo della “Riqualificazione del patrimonio immobiliare” (il “Bonus ristrutturazioni”, a sua volta agevolato dall’incentivo fiscale del 50%) come condizione indispensabile per ottenere il Bonus Mobili.

Il Decreto “Milleproroghe-bis” (DL n. 151 del 30/12/2013– G.U. n. 302 del 30/12/2013) ha definitivamente chiarito che non vi è relazione tra l’importo portato in detrazione per i lavori di recupero del patrimonio edilizio e l’importo portato in detrazione con il Bonus Mobili (fatto salvo il massimale di 10.000 euro già previsto). In altre parole: l’importo portato in detrazione per l’acquisto di arredi può essere anche superiore all’importo portato in detrazione per le spese di recupero del patrimonio edilizio.

Cos’è il BONUS MOBILI?

La Legge di Stabilità 2014, ha prorogato fino al 31 dicembre 2014 la detrazione IRPEF nella misura straordinaria del 50% (in luogo di quella ordinaria del 36%) per le spese relative agli interventi di recupero del patrimonio edilizio fino ad un ammontare non superiore a 96.000 euro per unità immobiliare (in luogo di quello ordinario di 48.000 euro). La detrazione del 50% è ripartita in 10 rate annuali di pari importo. Alla detrazione fiscale del 50% per interventi di recupero del patrimonio edilizio è stato affiancato un ulteriore incentivo per l’acquisto di mobili/ arredi e grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+, nonché A per i forni, fino a un massimo di spesa di 10.000 euro, IVA compresa, con una detrazione del 50% anche in questo caso da ripartire in 10 rate annuali (il bonus di 10.000 euro per gli arredi è ulteriore rispetto al tetto dei 96.000 euro previsto per le spese di recupero del patrimonio edilizio).

Puoi trovare tutte le informazioni su bonusmobili.it